giovedì, marzo 01, 2007

Sito Ignobile

Nel 2004, l'allora ministro Stanca (un nome che è tutto un programma), ha dato mandato per la realizzazione del portale dell'Italia. Solo 2 settimane fa tale sito è stato presentato dagli attuali rappresentanti di governo: ErCicoriaRutelli e MortadellaProdi.

L'attuale ministro alla Cultura si è detto soddisfatto dell'ottimo risultato, sia per ciò che riguarda il portale sia per quanto concerne il logo, che ha in sè un Cetriolo stilizzato, molto più inerente ad uno di quei panini del McDonald che alla nostra nomea per il buon gusto.

Ma andando nel dettaglio, il sito è fatto da cani... presentazioni java che non finiscono mai, visualizzazioni di filmati flash che rallentano non di poco l'apertura delle pagine e tante altre belle cosette che un web designer come si deve avrebbe evitato o quanto meno ottimizzato, anche perché tutto questo rende difficile l'indicizzazione da parte dei motori di ricerca delle pagine di questo "meraviglioso" risultato della scienza e della tecnica costato 45 milioni di euro.

In queste due settimane lo web italiano impazza di blog, forum e quant'altro inerente alla pessima riuscita di questo prodotto, ed addirittura qualcuno ha rifatto la stessa pagina del portale italiano con metodi e ottimizzazioni che rendono il sito molto più fruibile.

Ecco due articoli da cui partire per saperne di più:
Repubblica
Punto Informatico

Cheers

3 commenti:

Josto ha detto...

Che dire... e' l'ennesimo caso di spreco di soldi pubblici e di "incompetenze" messe al servizio dello Stato. Per quanto riguarda il logo... e' stato certamente concepito dalla mente malata del Ministro della Cultura Rutelli. Ma cosa ci possiamo aspettare da chi si e' battuto per la legge sull'aborto e sul divorzio, per la liberalizzazione delle droghe leggere e per la non-violenza gandhiana, e oggi e' il portavoce di Ruini in Parlamento e un fermo sostenitore della partecipazione italiana a tutti i conflitti a cui i suoi amici americani ci invitano?

squonimo ha detto...

In questo periodo sei davvero deprimente... Manco un po' di ottimismo... chessò la morte di qualcuno ti darebbe un po' di felicità????

Josto ha detto...

Ma no, non voglio la morte di nessuno. Sto attravesando una fase "ahimsa". La mio non e' pessimismo deprimente. E' piuttosto la serena constatazione che il mondo sta andando a puttane. L'unica consolazione e' che per quest'anno il cucchiaio di legno e' scongiurato.